Il Dott. Andrea Russo racconta “D-Eye”: uno screening della retina a portata di smartphone.

russo1A volte l’innovazione compie passi da gigante partendo da una semplice idea. Il cambiamento ed il progresso muovono dal bisogno di risposte, dalla dedizione e dalla ricerca. Da una molteplicità di tentativi che divengono una nuova scoperta. Quello che ha fatto il Dott. Andrea Russo è stato racchiudere una risposta ad una esigenza medica,  in un piccolo dispositivo da applicare allo Smartphone: lo screening retinico portatile D- Eye (Digital Eye).

Il Dott. Andrea Russo, è un oftalmologo di fama internazionale, con specializzazione in Oculistica conseguita con il massimo dei voti e la lode presso la Clinica Universitaria degli Spedali Civili di Brescia, ove tuttora svolge attività di clinica e di ricerca,  nonchè relatore di fama internazionale in numerosi congressi di Oculistica, reviewer di articoli scientifici ed esperto di oftalmologia pediatrica, maculopatia e chirurgia refrattiva, grazie anche agli studi effettuati presso il prestigioso Moorfields Eye Hospital di Londra. Il Dott. Russo mi racconta entusiasta  la genesi di D-Eye , progetto da lui stesso ideato, start up di cui è anche founder e che trova la sua espressione nell’innovativo dispositivo omonimo, uno screening portatile della retina da applicarsi, con un bumper magnetico, al telefonino.

d-eye4 (1)D- Eye è un dispositivo ottico che si applica, con l’apposito bumper sul retro dello smartphone, in corrispondenza della fotocamera e della luce a LED e che consente di ottenere immagini ad alta definizione della retina, in modo da poter individuare le patologie in essa presenti, come ad esempio un glaucoma, ed è utilizzato soprattutto nell’esame retinico di pazienti ipertesi, o diabetici. Il dispositivo è associato all’App omonima, attraverso cui, con apposite credenziali di accesso, si accede ad uno spazio di memoria virtuale, un cloud, disponibile sia per il sistema operativo  iOS  sia per Android, che permette ai professionisti del settore, che stanno utilizzando D- Eye, mediante l’ausilio di apposite credenziali, di memorizzare e condividere video ed immagini relative alla scannerizzazione della retina stessa del paziente, con altri medici e personale autorizzato (il tutto con le dovute crittografie richieste dagli standard USA ed EU, vedi normativa HIPAA law). D-Eye non è solo un semplice screening retinico, ma è anche il mezzo per velocizzare la ricerca nel campo delle patologie retiniche, mettendo in connessione medici di ogni parte del mondo, consentendo, tramite l’utilizzo della memoria cloud, lo scambio di pareri professionali sul punto. L’Hardware e la piattaforma cloud di D-Eye sono state sviluppate dal polo ingegneristico Si14 di Padova, città dove si trovano anche la sede operativa e di ricerca della start-up.

Lo straordinario potere innovativo di D- Eye, risiede nel fatto che è possibile effettuare uno screening della retina in maniera non solo veloce e con un dispositivo portatile e compatto, ma  soprattutto D- Eye permette un abbattimento notevole dei costi.  Tra l’altro, D- Eye sta avendo anche una notevole diffusione non solo nel campo  della medicina di emergenza e relativamente allo screening del glaucoma, ma anche in campo veterinario.

Il Dott. Russo mi racconta che: “D-Eye nasce dalla necessità di visitare una interminabile quantità di fondi dell’occhio (retine) nei pazienti ipertesi e/o diabetici. Un lavoro ambulatoriale su cui mi sono massicciamente affacciato subito dopo la specializzazione in oculistica. Ho pensato quindi che sarebbe stato utile provare a rendere i medici di famiglia o i medici internisti più indipendenti in tale esame”.

Tra l’altro, D- Eye è talmente innovativo da aver determinato echi a livello internazionale, così da essere menzionato in numerose pubblicazioni specialistiche americane di settore. La compattezza e l’immediatezza nell’utilizzo di D-Eye sono inversamente proporzionali alla sua potenzialità: un dispositivo di pochi centimetri è in grado di connettere diversi professionisti, favorendo il flusso di informazioni nell’ambito della ricerca scientifica, con un risparmio di mezzi e di denaro.

Ciò che più colpisce del Dott. Russo è la capacità di trasmettere la dedizione alla sua ricerca, alla sua vocazione di essere medico, la costanza di perseguire un risultato che ha raggiunto echi e riconoscimenti internazionali. Il tutto partendo da una semplice idea. Semplicemente geniale #wespitonmainstream #geendie.com

Per conoscere meglio il mondo di D-EYE ed acquistare il dispositivo PREMI QUI

Pagina Facebook D-EYE

Per Informazioni, prenotazioni di visite presso lo studio del Dott. Andrea Russo: Link Centro Oculistico Bresciano

Written By Giulia Guarneri